http://policlinico.ecmcampus.it/casiclinici2

Casi clinici in scena: Alimentazione, Nutrizione e Malattie metaboliche
5 crediti

ATTENZIONE! questo corso è interamente costituito da VIDEOLEZIONI. Prima dell'acquisto gli utenti sono invitati a verificare di disporre di una connessione internet adeguata alla fruizione di video di elevata qualità.

Il corso "Casi clinici in scena: Rischio cardiovascolare e respiratorio - dalla prevenzione alla gestione delle emergenze" è stato realizzato dalla Fondazione IRCCS Ca’ Granda - Ospedale Maggiore Policlinico.

1. RAZIONALE DELL'OPERA

Casi clinici in Scena è un progetto della Direzione Scientifica del Policlinico di Milano, in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano, ideato e realizzato da Anna Parravicini con l'ausilio di professionisti della comunicazione e dell'applicazione delle tecniche teatrali al mondo della comunicazione.

Promuovere la cultura della salute.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel corso della prima conferenza mondiale di promozione della salute (Ottawa 1986) evidenziava la responsabilità dei professionisti e delle istituzioni che erogano servizi nel settore della salute nel contribuire alla determinazione della cultura della salute e al mantenimento della stessa. In questa attività un ruolo primario compete agli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), ai Policlinici Universitari e Ospedali ad alta intensità di cura".

Troppo spesso una buona sanità viene vanificata da un cattivo modo di comunicare delle Istituzioni e dei medici con i cittadini sani o malati che siano. Il malato necessita di attenzione e ascolto prima che cure, esami o ricoveri, deve essere considerato una persona che condivide i processi di diagnosi e cura, una persona la cui dignità e integrità devono essere rispettate in ogni ambito sanitario.

Gli Ospedali e il personale sanitario oggi più che mai devono imparare a rapportarsi con i malati.

Una corretta comunicazione in ambito sanitario permette di rafforzare l'empowerment individuale, cioè il coinvolgimento, l'apprendimento e il comportamento del soggetto rispetto ai propri stili di vita nei processi di appropriazione della salute.

I progressi compiuti nel settore dei mezzi di comunicazione, in pa rticolare quello della multimedialità e delle nuove tecnologie hanno agevolato l'accesso dei cittadini all'informazione sanitaria.

D'altro canto proprio questa democratizzazione della notizia può essere causa di scorretta informazione e di difficoltà nell'identificazione di fonti autorevoli e scientificamente accreditate.

Le argomentazioni scientifiche sono fattori importanti ma non sufficienti a incidere sugli stili di vita dei cittadini, e una ricca letteratura dimostra che il trasferimento di modelli culturali positivi è più efficace se questi vengono comunicati con messaggi capaci di suscitare attenzione, emozione e coinvolgimento.

Il progetto "Casi clinici in scena" è nato nel 2007 proprio per rispondere a queste esigenze ed i corsi Fad di questa collana riproducono una serie di incontri/evento tenuti presso l'Aula Magna dell'Università di Milano. In ogni incontro l'esperienza e la storia clinica dei pazienti, elaborata da un gruppo di studenti in scrittura e arti creative, rappresentata lo strumento per veicolare la cultura della salute e della prevenzione.

La programmazione degli argomenti trattati negli incontri è stata messa a punto da un comitato scientifico composto da: Eloisa Consales, Pier Mannuccio Mannucci, Anna Parravicini, Anna Pavan, Valentina Regonesi, Marco Daniele Segala. Per l'approfondimento dei contenuti è presente agli incontri un panel di esperti, selezionati tra i Direttori dei Dipartimenti e/o Reparti dell'I.R.C.C.S., condotti da un giornalista che modera gli interventi del pubblico e degli specialisti.

Rispetto ad alcuni decenni fa anche la tipologia dei pazienti che accedono ai servizi di Pronto Soccorso è significativamente mutata.

Accanto alle grandi emergenze (gravi incidenti stradali, infarto miocardico acuto, edema polmonare, ictus, setticemia, ecc), si osservano numerosi pazienti, soprattutto anziani portatori di più patologie, che giungono in ambulanza con quadri dovuti ad acutizzazione di malattie croniche (scompenso cardiaco, bronchite cronica, ecc).

Vi sono poi persone di ogni età in cerca di una risposta o di una rassicurazione, per la comparsa, da ore o da giorni, di sintomi allarmanti e di origine incerta: dolore toracico, cefalea, febbre, vertigine, ecc. Questo tipo di paziente che un tempo si rivolgeva al medico di base, viene oggi direttamente in Pronto Soccorso perché sa che in poche ore verranno eseguiti gli esami e le visite specialistiche necessari a risolvere i principali punti interrogativi.

Si adopera oggi il termine di ‘urgenza soggettiva’ per definire questa situazione, connotata da ansia del paziente pur in assenza di un’evidente compromissione dei cosiddetti parametri vitali.

Va detto per inciso che alcuni sintomi, come il dolore toracico (rischio di infarto) o l’improvvisa difficoltà ad articolare la parola, la deformazione della bocca (rischio di ischemia cerebrale), devono indurre a venire subito in Pronto Soccorso senza perdere tempo. La gestione delle emergenze, per quanto ben organizzata, non si sottrae a diverse criticità (carenza di privacy, impossibilità di valutazione approfondita della storia del paziente, possibile lunghezza delle attese) e non può in alcun modo sostituirsi, soprattutto per quanto riguarda i rischi legati all'apparato cardiovascolare, ad una efficace attività di prevenzione basata su una attenta valutazione dei fattori individuali di rischio.

2. OBIETTIVI DIDATTICI

AREA FORMATIVA: COMPETENZE TECNICO-SPECIALISTICHE
OBBIETTIVO FORMATIVO NAZIONALE: Nr. 10 - Epidemiologia – prevenzione e promozione della salute con acquisizione di nozioni tecnico – professionali

3. ARGOMENTI E STRUTTURA DEL CORSO

Il corso completo consiste in un percorso formativo articolato in tre unità. Il percorso formativo è unico per tutte le professioni sanitarie. L'impegno complessivo (lettura, approfondimento) è mediamente di 4 ore. Inoltre è previsto il test di valutazione finale.

Argomenti trattati:
  1. Ipertensione, malattie cardiovascolari, trombosi: nuovi approcci terapeutici
  2. Una giornata in Pronto Soccorso - Insufficienza respiratoria, sospetto infarto, ictus: i casi più impegnativi
  3. Malattie cardiovascolari: fattori di rischio, diagnosi e terapia
4. GLI AUTORI

Responsabile scientifico:
Dr. Marco Daniele Segala

Direzione scientifica
Fondazione IRCCS Ca’ Granda - Ospedale Maggiore Policlinico
Milano

Autori:
Dott.ssa Anna Parravicini
Biologo - Giornalista pubblicista
Consulente Comunicazione Scientifica
Fondazione IRCCS Ca’ Granda - Ospedale Maggiore Policlinico
Milano

5. DESTINATARI
Tutte le professioni sanitarie.

6. METODO DIDATTICO E CARATTERISTICHE

“Casi clinici in scena: Rischio cardiovascolare e respiratorio - dalla prevenzione alla gestione delle emergenze” è basato su un percorso didattico di auto apprendimento strutturato e innovativo.
Self study con accesso illimitato, feedback immediato agli esercizi, monitoraggio di tutte le attività.
La piattaforma FAD offre strumenti interattivi che possono facilitare l’apprendimento della materia. Il corso on-line è infatti dotato di un accesso facilitato alle linee guida e agli abstract degli articoli citati.
L'attribuzione dei crediti avviene al superamento del test finale che può essere eseguito direttamente on-line al termine della lettura. Il relativo attestato viene generato sempre on-line al superamento del test (almeno 75% di risposte esatte). Il test può essere ripetuto senza limite al numero di tentativi.

7. CREDITI ECM

Il completamento di questo corso, con il superamento del test finale, dà diritto al riconoscimento di 5 crediti ECM.

I crediti ECM sono rilasciati da Adveniam srl (Società di Formazione controllata dalla Fondazione IRCCS Ca’ Granda - Ospedale Maggiore Policlinico) provider standard accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua con ID Provider: 115

8. DATA DI ATTIVAZIONE E SCADENZA
dal 02/03/2016 al 31/12/2016.

9. SERVIZI10. REQUISITI PER PARTECIPARE

Prerequisiti professionali per la fruizione del corso: nessun requisito particolare Il percorso didattico completo è scritto per essere ugualmente fruibile (con maggiore o minore impegno) da tutte le professioni sanitarie.
Prerequisiti di sistema:11. COSTI

La visione dei contenuti del corso è gratuita previa registrazione ed autocertificazione della sussistenza dei requisiti di part ecipazione. L’accesso al servizio di tutoraggio e all’esame finale per l’attribuzione dei crediti ECM è invece subordinato all’acquisto del corso.
Il prezzo di listino è di 18,44 euro + IVA (= 22,50 euro IVA inclusa).
Il pagamento può essere effettuato a mezzo bonifico oppure con carta di credito direttamente online con possibilità di fatturazione intestata all'azienda. Il pagamento può essere effettuato dopo la registrazione, anche a corso iniziato comunque prima dell’accesso al test finale.